Succede tutto così in fretta. Succede che a circa 1500 kilometri di distanza avvengano contemporaneamente due disfatte, in un giovedì sera che improvvisamente assume un retrogusto d’amarezza e nervosismo. È successo, meglio dirla così: quel presente sa troppo d’abituale, mentre sulle due sponde del Tevere si augurano che l’incubo non si ripresenti più, perlomeno non con queste modalità.

Top