Categoria

CALCIO ITALIANO

Categoria

È il 1911. Luigi Pirandello pubblica “La patente, una delle tante novelle che lo renderanno noto al grande pubblico. Lo scrittore siciliano narra della sfortunata vicenda di Rosario Chiarchiaro, considerato da tutti lo iettatore del paese, che tenta di farsi convalidare una patente da iettatore dal giudice D’Andrea. La sua richiesta, ovviamente, rimarrà incompiuta. 79 anni dopo, nel giorno di Santo Stefano, l’anima di Rosario Chiarchiaro potrebbe aver cambiato corpo, nella speranza di portare meno jella alle persone, per citare Pirandello.

Tanti gol, difese che scricchiolano e risultati inaspettati: la Serie A è cominciata nel migliore dei modi. E in questo limbo di divertimento e disattenzioni, è sempre più difficile fare un pronostico. In attesa di vedere e capire come si stabilizzerà la classifica, quali saranno le sorprese e quali i flop, ecco a voi un antipasto di quanto ci aspetta. Chi saranno i matador di giornata? I possibili exploit? Scopritelo con noi!

Prevedere il futuro è difficile, prevenirlo ancor di più. Al massimo, si può provare ad analizzarlo. Nel primo turno di Serie A che si affaccia alla settimana europea (sei le italiane impegnate tra Champions ed Europa League), la strategia inizia ad avere il suo peso. Diventerà fondamentale il turnover, ma anche importantissimo sarà districarsi tra le miriadi di partite che il week-end ci offre. Tra spunti e appunti, ecco quello che la 3^ giornata di campionato ci riserva.

C’è chi è stato un piccolo giocatore in grandi squadre e chi un grande giocatore in piccole squadre. E Massimo Maccarone fa parte del secondo gruppo, di chi in provincia ha costruito una carriera e una storia. Lui, in Toscana, è diventato l’eroe di Siena e Empoli. Realtà che si trovano a sgomitare per restare in A o per salirci e dove, Big Mac, ha dato il meglio di sé, ergendosi a matador e simbolo. Pensare che quel ruolo, a inizio carriera, se lo sentiva troppo stretto, credendo di meritare altro.

Ultimo, caotico, giorno di calciomercato. E potrebbe essere uno dei più movimentati degli ultimi anni. La difficoltà nel cedere, di cui abbiamo parlato più volte, ha condizionato pesantemente le settimane precedenti, costringendo le società ad aspettare il lunedì più bollente dell’estate: il 2 settembre. Con l’attenzione di un falco e la pazienza di un Condor, non Galliani, i direttori hanno sfiancato i loro “avversari” portandoli a cedere proprio sul più bello. Sono già diversi i nuovi e i prossimi arrivi, con Roma e Milan scatenate: Kalinic, Rebic e Mkhitaryan

Tempo e rimpianto. Due concetti che scandiscono la vita dell’uomo. Distanti ma vicini. Diversi ma così uguali. Il secondo deriva, in un certo senso, dal primo come risultato di un cocktail fatto di indecisione, scelte sbagliate e sfortuna. Tempo e rimpianto. Del primo ne hai un tremendo bisogno, del secondo vorresti decisamente farne a meno. Entrare nell’infinito tunnel dei “se” e dei “ma”, infatti, bolla l’uomo come incompiuto, debole o sfortunato, aggettivi e sentenze che nessuno vorrebbe vedere accostato alla sua persona. Tempo e rimpianto. Due concetti che Alexandre Pato conosce bene, odia e detesta con tutto il cuore.

22 settembre 2010: in programma vi è Lazio-Milan, gara che si concluderà con il risultato di 1-1. Nel prepartita, però, accade qualcosa di insolito: sopra l’Olimpico si vede volteggiare un rapace. Un’aquila a Roma? Be’, sì: è Olimpia, che in quel mercoledì sera si presenta ai circa 50000 biancocelesti presenti nella sua arena. Da quel turno infrasettimanale, Olimpia accompagna la Lazio in ogni gara casalinga; in questi nove anni, però, sembra aver perso l’entusiasmo, esattamente come i tifosi che la vedono volteggiare prima del fischio d’inizio.

La prima giornata di Serie A, ci ha lasciato risultati emozionanti, quasi tennistici: prima il 3-4 del Napoli in casa della Fiorentina, poi il pareggio per 3-3 tra Roma e Genoa, per finire fino allo straripante e secco 0-3 della Lazio in casa della Sampdoria.

Insomma, chi era alla ricerca dello spettacolo, è stato di sicuro accontentato, come la nostra riserva di lusso Gabriele Quaranta, i cui numerosi goal già citati gli hanno permesso di vincere la prima giornata del nostro fantacalcio, il Fantagufo.

Ma cosa accadrà nella seconda uscita stagionale delle squadre di A? Noi di Riserva Di Lusso ci siamo attrezzati con la famosa palla di vetro, e per questo proveremo a raccontarvi cosa – secondo noi – vedremo nel weekend del 31 agosto, grazie alla coppia formata da Matteo Paniccia e Giulio Zampini, che analizzeranno le dieci partite del prossimo turno di campionato per consentirvi di fare le scelte migliori in ottica fantacalcio e non.

Top