Aggiornato:

Le Champions League vinte in campo e sulla panchina del Real Madrid, la testata a Materazzi con annessa espulsione, le meravigliose movenze tecniche con la maglia della Juventus: chi non conosce questi dettagli, nella variopinta e redditizia carriera di Zinedine Zidane? Oggi, però, vi portiamo alla scoperta di 10 curiosità sul suo conto. Allez, Zizou!

VAI DIRETTAMENTE A:
1. Malattia benigna
2. Terzino in Costa Azzurra
3. Madridista blaugrana
4. Sua Maestà
5. Algeria
6. Insignito
7. L’episodio dei datteri
8. Cattiva condotta
9. Amato in patria
10. Figli

1. Malattia benigna

Talassemia: malattia ereditaria del sangue che comporta anemia, cioè una diminuzione della quantità di emoglobina utile al trasporto dell’ossigeno nel sangue al di sotto dei livelli di normalità. E se vi dicessimo che anche Zizou l’ha combattuta, sin da giovane?

Tutto vero, ma fortunatamente si tratta di una forma benigna; altrimenti, certi gol non sarebbero stati così facili da realizzare…

2. Terzino in Costa Azzurra

Siamo sempre stati abituati a far impallidire le difese avversarie, andando a cercare nel talento la sua arma segreta. In realtà, Zidane ha imparato i trucchi del mestiere giocando proprio nel reparto difensivo, per essere più precisi da terzino sinistro.

Successe nel Cannes, squadra dalla quale emerse sul panorama calcistico internazionale. Quando venne acquistato all’età d 15 anni, la società decise di offrirgli un appartamento dove poter stare ad allenamento terminato, nel piccolo villaggio di Pégomas; oggi, proprio in quel villaggio, c’è Piazza “Zinedine Zidane”

zidane partita celebrativa curiosità
Zidane in una partita celebrativa per il Cannes

3. Zidane, il madridista blaugrana

Associamo il suo volto al blu della Francia, al bianconero della Juventus ed al bianco (senza il nero) del Real Madrid, probabilmente la squadra alla quale è più affezionato. Attualmente, come noto, è la guida tecnica delle Merengues, ma il suo percorso verso la panchina madrilena è stato più complicato del previsto:

  • Nel 2009, Florentino Perez lo nomina consigliere del club;
  • Nel 2011, diventa direttore sportivo dei Blancos;
  • Nel 2013 e nel 2014 è stato l’assistente allenatore di Carlo Ancelotti, in quella che è stata la scalata alla Decima;
  • Poco dopo, nonostante non avesse i certificati adeguati, venne nominato allenatore del Real Madrid Castilla.
  • Dal 2016, è sulla panchina del Santiago Bernabeu (salvo una breve parentesi). Il resto è storia.

In giovane età, però, paradossalmente, il fuoriclasse francese tifava Barcellona. Chissà cos’ha provato in quella magica notte di Champions League al Camp Nou…

4. Sua Maestà Zinedine Zidane

Ad inizio novembre 2006, Zizou è stato ospitato dal premio Nobel per la Pace Muhammad Yunus, in Bangladesh. Ciò che colpisce, però, è stata l’accoglienza che gli è stata riservata: l’ex fantasista bianconero, infatti, è stato accolto con una cerimonia ufficiale, che spetta, solitamente, al Re in persona.

zidane curiosità bambini bangladesh
Zizou in mezzo ai bambini del Bangladesh

5. Zidane e l’Algeria

Tutti sappiamo quanto Zidane abbia dato alla Francia, e viceversa. A dirla tutta, però, i successi con la Nazionale francese sarebbero potuti non arrivare mai: Zizou, infatti, è stato concepito da genitori algerini immigrati in Francia, e possiede la doppia cittadinanza, che gli avrebbe permesso di giocare per lo Nazionale del Nord-Africa. Inoltre, si definisce musulmano non praticante.

Anche in Algeria, sempre nel 2006, Zidane è stato accolto con una cerimonia ufficiale; non ce ne voglia il Bangladesh, ma in questo caso il tutto è stato molto più toccante, perlomeno per il diretto interessato.

zizou curiosità bandiera algeria
Zidane con la bandiera algerina

6. Insignito

Dicevamo, i successi con la Francia. Come dimenticare il Mondiale casalingo, concluso nel migliore dei modi, con la schiacciante vittoria per 3-0 contro il Brasile? Beh, grazie a quel trionfo, Zidane è stato insignito della Legione d’onore francese.

Inoltre, nel 2001, l’Organizzazione delle Nazioni Unite l’ha dichiarato “Ambasciatore di buona volontà“; da quel momento, ogni anno, Zidane ha capitanato una compagine piena zeppa di stelle calcistiche, pronte a sfidare la formazione messa in campo dall’altro volto dell’ONU, Ronaldo.

7. Zidane, Ronaldo e… i datteri

Zidane e Ronaldo: amici, rivali, compagni di squadra. Questi due sono stati il simbolo di due Nazionali, vincitrici rispettivamente nel ’98 e nel 2002, con i verdeoro che, quattro anni prima della vittoria in Asia, sono stati fermati in finale proprio dai francesi.

Quella gara, in realtà, è avvolta ancora oggi da un velo d’incertezza che non verrà mai del tutto scoperto: Ronaldo, apparentemente, non sarebbe dovuto scendere in campo, colpito nella notte precedente da una crisi epilettica decisamente grave.

Dopo l’infortunio del Fenomeno a fine novembre ’99, Zidane fu protagonista di un episodio catartico. Ricoverato all’ospedale di Parigi “Pitié-Salpêtrière”, Ronaldo non poteva ricevere alcun tipo di visita; il francese, allora, escogitò un piano:

So che è stanco e non posso vederlo, ma vorrei che gli deste questi quando starà meglio.

I datteri non furono miracolosi, con Ronaldo che non ritornò mai più il giocatore che era stato prima dell’infortunio. Sicuramente, però, gli fece piacere.

zizou ronaldo fenomeno
Zidane osserva il Fenomeno

8. Cattiva condotta

Zinedine Zidane è indubbiamente una leggenda del calcio moderno, ma in quanto a disciplina, beh, avrebbe potuto fare di meglio. Possiede, infatti, il record di cartellini nelle fasi finali dei Mondiali: ben sei, con il più famoso dal colore rosso, ricevuto nella finale di Berlino 2006. In carriera, inoltre, è stato espulso la bellezza di 16 volte.

zidane curiosità berlino 2006
La celeberrima immagine di Zidane ai Mondiali 2006

9. Amato in patria

Alla fine, però, si torna sempre ad un assioma fondamentale: Zinedine Zidane è stato, è e sempre sarà un’icona del calcio francese. Del calcio, sì, ma non solo.

L’ex Juventus e Real Madrid, infatti, è stato votato in passato come il francese più amato di tutti i tempi in un sondaggio condotto dal quotidiano transalpino Journal du Dianche.

Zidane curiosità mondiale 1998
Zidane incantato dalla Coppa del Mondo del 1998

10. Futuro in casa

Abbiamo parlato di Francia, di cartellini, di accoglienze regali e persino di un cesto di datteri. Tutti aneddoti che riguardano in prima persona l’attuale allenatore del Real Madrid; per la successione dinastica, comunque, Zidane può dormire sonni tranquilli.

Tutti e quattro i suoi figli, infatti, sono già parte integrante di una realtà calcistica:

  • Enzo, nato nel 1995 e chiamato così in onore di Francescoli, il Principe prima di Milito, è un centrocampista dell’Almeria;
  • Luca, classe 1998, gioca tra i pali del Racing Santander, in prestito dal Real Madrid;
  • Théo, venuto alla luce nel 2002, ed Élyaz, classe 2005, giocano nelle giovanili dei Blancos.

Diventare come papà è difficile, perché è semplicemente inimitabile. Semplicemente, Zizou.

zizou curiosità numero 10
Semplicemente, Zidane

Lascia un commento

Top