Per favore disattiva Ad Block per continuare a navigare su questo sito.

Sono tempi durissimi. Di certo non vi serviva leggerlo per rendervene conto. Ma siamo sulla stessa barca. Anzi, diciamo che indossiamo tutti la stessa divisa: il Coronavirus continua ad attaccare e per noi è arrivato il momento di saper soffrire, di farlo tutti insieme, uniti, come una squadra. Questa quarantena fa male, ma è necessaria se vogliamo portare a casa il risultato.

Noi di Riserva di Lusso non vogliamo arrenderci e, aspettando il triplice fischio della partita più importante, abbiamo stilato una lista di libri, film, documentari e serie TV che gli appassionati di calcio non possono lasciarsi sfuggire.
Per ogni categoria 10 titoli (ci cui 3 approfonditi) scelti da noi e le proposte che i nostri utenti hanno avuto il piacere di condividere sui nostri canali social. A voi la scelta!

VAI DIRETTAMENTE A:
-Libri
-Film
-Serie TV e Documentari

Migliori libri sul calcio

Il calcio è solo lo sport più bello del mondo. Ha dato vita a miriadi di storie e c’è stato chi si è sentito in dovere di raccontarle. Per tutti gli amanti della carta stampata…

migliori libri calcio riserva di lusso
Le nostre scelte

Primo libro a finire sotto la nostra lente d’ingrandimento è La mia rivoluzione. Nell’opera autobiografica di Johan Cruyff ripercorriamo la carriera del genio olandese, un uomo che fatto suo il calcio e l’ha reso totale. Con l’Ajax ha vinto la Coppa dei Campioni per tre stagioni di fila, per poi volare in Catalogna nel 1973 per rialzare un Barcellona che non chiudeva la Liga al primo posto da 14 anni. 14 come il numero che portava sulle spalle… Uno dei più grandi filosofi del football si racconta, nero su bianco.

Copertina autobiografia Johan Cruyff - Riserva di Lusso


Tra gli allievi di Cruyff spicca un certo Pep Guardiola, oggi nell’Olimpo degli allenatori. Ma come se l’è conquistato? La vita mostra sempre due facce e ogni eroe ha la sua nemesi. La nemesi di Guardiola è José Mourinho. Con
Duellanti Paolo Condò ci riporta alla stagione 2010/11: Mou è approdato al Real Madrid dopo aver portato l’Inter in paradiso e a colpi di Cristiano Ronaldo parte all’assalto del Barça di Pep, guidato dall’extraterrestre Lionel Messi. Rivalità ne abbiamo?

Copertina Duellanti - Riserva di Lusso


L’ultimo focus lo dedichiamo ad un libro di narrativa targato Luigi Garlando, caporedattore per
La Gazzetta dello Sport. Si chiama Io e il Papu e ha come protagonista Arcadio, un ragazzino di 11 anni che è rimasto traumatizzato da un attentato e ha smesso di parlare. Un giorno decide di spedire una lettera a Papa Francesco ma sul foglio non ci sono parole, solo figurine dei calciatori. È l’inizio di un rapporto di amicizia profonda tra lui e un Bergoglio trasfigurato in Papu, come Alejandro Gomez dell’Atalanta.

Copertina Io e il Papu - Riserva di Lusso

Le proposte dei nostri utenti:
• Atletico Minaccia Football Club (Marco Marsullo)
• Ho fatto piangere il Brasile: un’autobiografia (Paolo Rossi)
• Il leader calmo (Carlo Ancelotti)
• Io, Ibra (Zlatan Ibrahimovic e David Lagercrantz)
• La piramide rovesciata (Jonathan Wilson)
• Leo Messi – La pulce (Alessandro Ruta)
• Tutte le barzellette su Totti (Francesco Totti)
• Un capitano (Francesco Totti e Paolo Condò)
• Un giorno questo calcio sarà tuo (Fulvio Paglialunga)
• Vincere, ma non solo (Javier Zanetti)

 

Migliori film sul calcio

Ne abbiamo anche per i fanatici del grande schermo. Pellicole pluripremiate. No, niente Oscar. Preferiamo il Pallone d’Oro…

migliori film calcio riserva di lusso
Le nostre scelte

Iniziamo parlando della proposta più recente: Il Campione è il film d’esordio del regista romano Leonardo D’Agostini.
Christian Ferro (Andrea Carpenzano) è un grande talento, veste la maglia della Roma e trascina i suoi realizzando gol da urlo. Peccato che fuori dal campo sia il tipico bad boy, con tanto di furti e incidenti in supercar. La dirigenza del club stufa lo mette all’angolo: gli affianca un professore privato, Valerio Fioretti (Stefano Accorsi), con l’obiettivo di fargli superare l’esame di maturità. In un primo momento Ferro se ne frega, ma quando viene messo fuori rosa alla vigilia del derby con la Lazio decide che è arrivato il momento di mettersi sui libri.
Un verosimile viaggio al centro del pianeta Calcio, impreziosito da chicche come la partecipazione della redazione di Sky Sport. Consigliatissimo.

 

Ci spostiamo in Francia e segnaliamo Dream Team di Olivier Dahan.
Patrick Orbéra (José Garcia) è un ex calciatore della nazionale francese. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, ha preso la brutta abitudine di alzare troppo spesso il gomito, al punto di rovinare il suo matrimonio. Il giudice divorzista gli promette che potrà vedere sua figlia, a patto che lasci perdere l’alcol e si dimostri affidabile trovando un lavoro. Più per costrizione che per sua volontà, Patrick prende le redini del Molène, squadra dilettantistica di un comune di 235 abitanti il cui unico vanto è la fabbrica locale di sardine. L’impresa però è in crisi e il sindaco, nonché presidente del club, gli chiede di andare più avanti possibile in Coupe de France per racimolare un po’ di soldi e scongiurare il fallimento totale. Riuscirà nel miracolo?
A posteriori, Dahan se la starà ridendo visto quello che è successo al Les Herbiers… Ok basta spoiler!

 

Per quanto riguarda Una meravigliosa stagione fallimentare di Mario Bucci viriamo sul genere del docufilm.
Dopo lo scandalo calcioscommesse del 2011 e il passo indietro da parte della famiglia Matarrese, la Bari si prepara ad affrontare la stagione 2013/14 senza certezze: i dirigenti operano un’autogestione, le tasche del club sono vuote, la squadra è senza guida tecnica e i tifosi hanno abbandonato il San Nicola. Il pignoramento del cartellino di Galano e la dichiarazione di fallimento da parte del club sembrano mettere le basi per il crollo definitivo; invece i tifosi si stringono intorno alla squadra e la spingono ai playoff per tornare in Serie A. Riprendendo una citazione di Bucci, questo è “il film sulla squadra che tentò il miracolo, e della città che se ne innamorò”.
Ripartita dalla D, oggi la Bari milita nel campionati di Serie C.

 

Le proposte dei nostri utenti:
• Estate ’92 (2015)
• Fuga per la vittoria (1981)
• Il mio amico Eric (2009)
• L’allenatore nel pallone (1984)
• The Football Factory (2004)
• Ultras (2020)
• Un sogno per papà (2019)

 

Migliori Serie TV e documentari sul calcio

Infine non mancano consigli per quanto riguarda le serie TV, il futuro dell’intrattenimento mondiale. Ma che futuro sarebbe senza calcio? Preparatevi all’overdose..

migliori serie tv documentari calcio riserva di lusso
Le nostre scelte

Approfondiamo una serie per piattaforma e partiamo da Amazon Prime Video.
All or nothing permette di seguire passo dopo passo la stagione delle squadre più blasonate del pianeta. Format collaudato con le franchigie di NFL, è stato riproposto nel mondo del calcio scegliendo il Manchester City (stagione 2017/18) e la Nazionale Brasiliana (Copa America 2019). Poter assistere ai discorsi di Guardiola e di Tite, osservare il comportamento dei calciatori in campo e negli spogliatoi non è cosa da tutti i giorni. Entrambe le “versioni”, a nostro avviso, meritano: da una parte c’è la possibilità di rivivere la stagione del record dei 100 punti in Premier League dei citizens; dall’altra c’è il fascino della seleção verdeoro e l’esplosione di gioia di un popolo che desiderava tornare a vincere.   

 

Anche Netflix offre un dietro le quinte: per la realizzazione di First team: Juventus le telecamere hanno seguito in tutto e per tutto la stagione 2017/18 dei campioni d’Italia e il risultato è ammirevole. La squadra di Massimiliano Allegri è reduce dalla disfatta di Cardiff (Real Madrid Juventus 4-1, seconda finale di Champions League persa in tre anni) e riparte con più fame di prima. Il cammino inizia male con la sconfitta in Supercoppa contro la Lazio, ma si conclude in crescendo con il domestic double, Scudetto e Coppa Italia.
Senza ombra di dubbio è una serie TV che può far gola anche a chi non è tifoso bianconero. 

 

Infine candidiamo un evergreen, disponibile su Sky: Federico Buffa, oltre ad essere un ottimo giornalista e telecronista, è anche il miglior cantastorie sportivo italiano. Potrebbe prendersi carico della barzelletta più scontata e odiata al mondo e renderla un racconto da incasso record al teatro La Scala di Milano. Per nostra e vostra fortuna, però, nessuna barzelletta: Best, Cruyff, Puskas, Di Stefano, Maldini, CR7Storie di Campioni. Ma se preferite offre anche il Grande Uruguay (1930), il Maracanazo (1950), Football Back Home (1966), Italia Germania 4-3 (1970), Diegoooo! (1986), Notti Magiche (1990)Storie Mondiali. Con lui c’è solo l’imbarazzo della scelta, d’altronde basta che Buffa racconta.

Copertina Buffa racconta - Riserva di Lusso

Le proposte dei nostri utenti:
• 21 Thunder (Netflix, 2017)
• Antoine Griezmann: The making of a legend (Netflix, 2019)
• Apache: the life of Carlos Tevez (Netflix, 2019)
• Bobby Robson: more than a manager (2018)
• Kill the Referee (2009)
• Le K Benzema (Netflix, 2017)
• Maradona in Messico (Netflix, 2019)
• Messi: storia di un campione (Netflix, 2014)
• Matchday: inside FC Barcelona (Rakuten TV, 2019)
• River, el más grande siempre (2019)

 

Nella speranza di avervi reso la quarantena un minimo più sopportabile. Restiamo a casa e sognamo quel pallone, che prima o poi tornerà a saltellare sui campi del nostro Paese.

Autore

Viterbese classe ’99, muove i primi passi con ai piedi un pallone e, neanche a dirlo, se ne innamora. Quando il calcio giocato smette di dare speranze, ci pensa giornalismo sportivo a farlo sognare. E se si fosse trattato di campo, essere riserva di lusso lo avrebbe fatto rosicare… alla tastiera non potrà che essere un valore aggiunto.

Lascia un commento

Top