......................................................................................................................................................................................<

Siamo d’accordo che non sia giusto fare paragoni.
Siamo d’accordo che effettivamente abbiamo visto troppo poco per giudicare.
Però quando a Milanello arriva un brasiliano con la raccomandazione di Leonardo, al tifoso rossonero non può che battere forte il cuore.

Dopotutto, è Wikipedia a dirlo:
“Trequartista o mezz’ala sinistra, è dotato di buona fisicità, ottime qualità tecniche e grande visione di gioco. In Brasile è stato accostato ai connazionali Neymar e Kaká.”

Questa giornata la nostra “Sorpresa della settimana” si chiama Lucas Tolentino Coelho de Lima: Paquetá.
L’avevamo predetto nell’angolo del gufo e lui ci ha ripagati con un gol, ritagliandosi pian piano in un Milan che faticava a trovare continuità, uno spazio da protagonista.

Paquetá e la vita in Brasile

Lucas Paquetá azione Milan

Mio fratello era già al Flamengo e l’unica persona che poteva accompagnarci agli allenamenti era mio nonno. Lui si allenava alle 14, mentre io alle 19. Quindi dovevo andare al campo alle 10, aspettare lì con mio nonno, poi allenarmi, prendere l’ultima barca a mezzanotte, stanco, per arrivare a casa ormai distrutto. E il giorno dopo si ricominciava da capo, era duro, ma ne è valsa la pena.

Paquetá era bravo, decisamente sopra la media quando a soli 10 anni arriva nelle giovani del Flamengo, eppure una corporatura troppo esile e dei ritardi nello sviluppo sembravano compromettergli la futura carriera nonostante gli sforzi e le dedizione messa in campo e fuori.

Le cure, la dedizione e la maturità, non solo fisica, che finalmente forgia il giocatore che ha fatto impazzire il Brasile e che era nel mirino di mezza Europa prima di approdare al Milan.
Si parla di 35 milioni in un periodo in cui sicuramente il Milan non naviga nell’oro, e soprattutto in contemporanea con la doppia trattativa che ha portato Higuain al Chelsea e Piatek a Milano.

Una folla inferocita di tifosi e non, pronti a gridare all’ennesimo bidone, con tutta una sfilza di critiche che pian piano stanno ritornando al mittente.

Paquetá ci ha sorpreso.
Ora deve stupirci, da qui a fine campionato.

Sorpresa della settimana - Riserva di Lusso

Autore

Cresciuto a suon di pizza, calcio e fogli sparsi sulla scrivania. Amo in egual misura il rumore delle dita che battono sulla tastiera e il turno infrasettimanale, il boato allo stadio dopo un gol e il tè a casa durante gli anticipi delle 18.

Lascia un commento

Top