A Liverpool è tutto pronto. Il pub The Albert sotto la Kop si riempirà di supporters e spillerà fiumi di birra per chi rimarrà fuori dal tempio dei Reds. Nella notte di Champions, le stelle saranno in campo, i cancelli di Anfield si coloreranno di azzurro e le sciarpe partenopee si sovrapporranno a quelle rosse mentre in tutto lo stadio risuoneranno le note di “You’ll never walk alone”. Tutto per una notte di coppe e di campioni.

Il normal one di Anfield, come lui stesso si è definito appena arrivato a Liverpool, è pronto ad affrontare per la seconda volta questo Napoli. Nel Merseyside ha rivoluzionato una squadra troppo poco matura, plasmandola a sua immagine in un gioco che prima di lui, in quello stadio, si era visto ben poco. Pressing alto, intensità infinita e riconquista del pallone per ripartenze letali. L’adrenalina di Jürgen Klopp passa dal pallone e arriva direttamente ai piedi dei suoi giocatori. Soprattutto a quel tridente la davanti, quello che Ancelotti dovrà neutralizzare come solo lui sa fare.

Il resto del nostro articolo lo trovate su https://www.chefaticalavitadabomber.it/liverpool-napoli-anfield/

Autore

Illustratrice e storyteller con un passato da esterno nel Mojito Football Club. Oggi realizza contenuti che traducono i pensieri in un’armonia d’immagini e parole. Per lei il viaggio è vita ma si completa solo quando, dal finestrino del treno, rivede il mare alla sua sinistra.

Lascia un commento