Siamo alle porte del Natale e come un anno esatto fa Juventus-Roma va in scena all’Allianz Stadium. Allora i giallorossi avevano solo due punti in meno dei rivali, stavolta il gap li vede distanti 22 lunghezze. Ma è solo la punta dell’iceberg.

La Juventus ha un Cristiano in più, una solidità difensiva rassicurante e una mentalità vincente che le ha permesso di accumulare un bottino di 46 punti su 48 disponibili. Ennesimo record per una Vecchia Signora che da più di 7 anni domina incontrastata al di qua delle Alpi. E chissà che questo non sia l’anno buono per il tanto agognato trionfo al di là del confine.

La Roma ha un Alisson, uno Strootman e un Nainggolan in meno, una fase difensiva che mostra evidenti lacune e uno spogliatoio disorientato come una nave nella tempesta. Il momento è delicato. Di Francesco è a un passo dall’esonero e le parole di De Rossi sono eloquenti:

Abbiamo talmente tanta pressione addosso che non viviamo bene l’attesa. Abbiamo tanti pesi sulla schiena. Siamo tutti sotto osservazione, mister compreso, e lo sappiamo.

EPISODI DI JUVENTUS-ROMA: DAL “GO’ DE TURONE” AL VIOLINO DI GARCIA

Ogni rivalità è alimentata da episodi. Episodi che aggiungono quel quid che rende il calcio lo sport più bello del mondo, o quantomeno il più chiacchierato. Quella fra Juventus e Roma non fa eccezione.

Juventus-Roma: Garcia fa il gesto del violino

Il resto del nostro articolo su Juventus-Roma lo trovi su https://www.chefaticalavitadabomber.it/juventus-roma

Autore

Aspirante medico, nuotatore e fratello premuroso. Ama parlare attraverso le immagini e immaginare attraverso le parole. Il bianco e il nero, seppur colori a lui a cuore, rappresentano solo gli estremi della scala di grigi con cui concepisce e racconta lo sport e la vita.

Lascia un commento