Che in casa Genoa la salvezza sia arrivata all’ultima giornata, proprio come la stagione precedente (ricordate il biscotto di Firenze?), è un problema da far presente alla società rossoblù.

Vanno capiti gli intenti di chi mette mano al portafoglio: lo fa solo con l’obiettivo di riempirlo? Forse qualcuno sta lucrando sulla passione di altri. Non lo diciamo noi: i risultati parlano da soli.

Nicola ha preso una squadra a metà campionato (18° giornata), ultima in classifica e dopo il cambio di due allenatori (Andreazzoli e Thiago Motta). Nel mentre il solito valzer di mercato tra cessioni e volti nuovi e il tour de force estivo per concludere un campionato di calcio che, di calcio, aveva ben poco.

Sicuri non sia un’impresa sportiva? Non guardate la pasta al pesto nel piatto. Aprite il frigo: gli ingredienti erano quelli, lo chef ha fatto il suo.

Buon appetito, Genoa

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ALTRI
MINUTI DI RECUPERO

 

Autore

Classe 2000. Capisce da piccolo di aver più cuore che tecnica: smette con il calcio giocato e passa a teorizzarlo. Oltre a pensare di riempire la pancia, cerca di colmare l’anima vivendo di sport e valori morali, che non gli danno da mangiare ma lo fanno arrivare a posto con sé stesso ai pasti

Lascia un commento

Top