......................................................................................................................................................................................<

Settimana di fuoco in Serie A: tante partite, punti in palio e panchine che traballano. Tudor è saltato, chi sarà il prossimo? Andiamo a scoprire il menù del weekend.

DOVE E QUANDO VEDERLE

Sab 15.00 ROMA-NAPOLI (SKY)
Sab 18.00 BOLOGNA-INTER (SKY)
Sab 20.45 TORINO-JUVENTUS (DAZN)
Dom 12.30 ATALANTA-CAGLIARI (DAZN)
Dom 15.00 LECCE-SASSUOLO (DAZN)
Dom 15.00 H. VERONA-BRESCIA (SKY)
Dom 15.00 GENOA-UDINESE (SKY)
Dom 18.00 FIORENTINA-PARMA (SKY)
Dom 20.45 MILAN-LAZIO (SKY)
Lun 20.45 SPAL-SAMPDORIA (SKY)

 

VAI DIRETTAMENTE A
👇

ROMA-NAPOLI
BOLOGNA-INTER
TORINO-JUVENTUS
ATALANTA-CAGLIARI
LECCE-SASSUOLO
H. VERONA-BRESCIA
GENOA-UDINESE
FIORENTINA-PARMA
MILAN-LAZIO
SPAL-SAMPDORIA

 

ROMA-NAPOLI

IMMAGINE

Umore

 

Istruzioni per l’uso

 

Osservato speciale

 

BOLOGNA-INTER

IMMAGINE

Umore

 

Istruzioni per l’uso

 

Osservato speciale

 

TORINO-JUVENTUS

Umore

Il derby della Mole vale doppio: il Toro per rialzare la testa, la Juve per convincere. I tre punti non bastano più, lo slogan “Living ahead” ha rimpiazzato anni di storia e il pragmatismo di Allegri è superato. E allora che si cerchi il dominio e, ovviamente, non quello dei numeri, dei tiri in porta e dei passaggi riusciti.

Il Toro, confuso e indebolito, è a centimetri dalla lama del torero: la pazienza di Cairo è agli sgoccioli…

Istruzioni per l’uso

Se i giocatori sono provati dai tanti impegni, le motivazioni (in partite del genere) sono al massimo. I granata sono a sette punti dalla zona europa, l’obiettivo per dare continuità ai risultati ottenuti e senso agli investimenti fatti. Verdi naviga spaesato per il campo, la compattezza è un ricordo e l’intensità manca. I dogmi di Mazzarri si stanno sciogliendo pian piano, evidenziando una concreta mancanza di idee di gioco. La Juve di Sarri, invece, accumula punti ma soffre troppo nel chiudere le partite: per puntare al massimo serve lavorare ancora.

Osservato speciale

Il calciatore più forte al mondo (con Messi) è l’uomo copertina di questa squadra: i suoi gol e le sue giocate cambiano la storia delle partite. CR7 non sente e non conosce la pressione. Gli ultimi 5 minuti della scorsa partita sono il manifesto della sua fame di vittorie: gol (annullato) al 93esimo, dribbling da capogiro su Sanabria e rigore chirurgico all’ultimo secondo. La Juve, sabato, conterà ancora su di lui.

ATALANTA-CAGLIARI

cosa ci riserva riserva di lusso

Umore

La rivelazione dell’anno passato contro quella della stagione in corso, il miglior attacco (30 gol per la Dea) contro la terza miglior difesa (solo 10 gol subiti dai sardi) e tante, tantissime aspettative. Ora a dividerle ci sono solo tre punti: l’exploit degli isolani passa per il rinnovato Gewiss Stadium.

Istruzioni per l’uso

Gasperini punta su Muriel ed Ilicic, con Zapata ancora ai box. Maran, invece, manda in campo i suoi titolarissimi, nella speranza che il nostro osservato speciale continui a stupire.

Osservato speciale

Nella passata stagione non è riuscito a sfidare i bergamaschi in trasferta: la gara con l’Atalanta era l’ultima delle tante partite viste dalla tribuna nei sei mesi di squalifica per doping. Alla vigilia di questa sfida che sa d’alta classifica, però, è lecito porsi un interrogativo che proviene dal passato: sicuri che Joao Pedro non sia ancora positivo? Ovviamente si scherza, ma il brasiliano sta letteralmente trascinando i sardi: attento Gollini, hai un 10 in più da affrontare.

LECCE-SASSUOLO

Umore

Nelle ultime cinque partite hanno totalizzato lo stesso numero di punti, 5: i giallorossi grazie a tre pareggi e due sconfitte, gli uomini di De Zerbi con un’unica vittoria con il Verona. Entrambe, però, hanno un’altra peculiarità in comune: sia Lecce che Sassuolo devono recriminarsi l’aver buttato via due vittorie che erano ormai in pugno. Ringraziano Ramirez, la Samp, Castrovilli e la Fiorentina. In arrivo uno scontro per il riscatto?

Istruzioni per l’uso

Con Tachtsidis squalificato, il centrocampo giallorosso perde fisicità; Liverani punta sulla fantasia di Shakhov, arretrato per sostituire il greco. Inoltre, torna tra i titolari Mr. Rigori perfetti Mancosu. De Zerbi, invece, toglie dribbling ed estro creativo per dar spazio al pragmatismo: fuori Boga e Đuričić, tra i titolari Obiang e Traorè, con il ritorno al 4-3-1-2.

Osservato speciale

Finalmente ha trovato la via del gol, proprio in quel Ferraris che aveva lasciato in estate per sposare la causa dei salentini: Lapadula è il diesel della squadra di Liverani ed ora sembra essersi messo in moto. Buon viaggio, la prima tappa è al Via del Mare: LapaGol farà rifornimento?

H. VERONA-BRESCIA

Umore

Dopo aver efficacemente contrastato la fantasia dei bad boys ducali, gli uomini di Jurić ospitano un Brescia reduce da un 1-2 intriso di rimpianti contro i nerazzurri di Conte. Difficilmente gli ospiti ripeteranno la travolgente prestazione di martedì sera, ma il Verona dovrà affilare le spade nell’Arena del Bentegodi.

Istruzioni per l’uso

L’ultimo precedente tra le due ha visto protagonista Davide Faraoni, mezzala goleador con la doppietta decisiva nel 2-2 della scorsa stagione: la sensazione è che Jurić punterà ancora sui soliti quattro di centrocampo, chiamati al sacrificio per fronteggiare il nostro osservato speciale, leader tecnico e carismatico della metà campo dei biancazzurri.

Osservato speciale

Non sarà stata una punizione decisiva in una semifinale di Champions League contro il Real Madrid, ma la meraviglia scolpita al Ferraris due giornate fa rimarrà impressa nei ricordi delle Rondinelle per diverso tempo. Faro del centrocampo di Corini, “Pirlo” Tonali riporterà la Leonessa alla vittoria?

GENOA-UDINESE

IMMAGINE

Umore

 

Istruzioni per l’uso

 

Osservato speciale

 

FIORENTINA-PARMA

Umore

Contro ogni pronostico la Viola vola in classifica: una squadra che sembrava innocua, si sta rivelando una vera spina nel fianco per chiunque. In termini di gioco non brilla, ma l’alchimia fra i giocatori è il vero quid in più della squadra. Il Parma, invece, è reduce da una pesante sconfitta in casa che, però, non cancella quanto fatto di buono sin qua. A Firenze si darà battaglia.

Istruzioni per l’uso

Ribery ancora out, spazio a Boateng. La rimonta di Sassuolo ha svelato un’altra sfumatura degli uomini di Montella: il carattere. Privi della stella d’esperienza e con un Chiesa in ombra, la squadra ha reagito con qualità e quantità. Uno straordinario Castrovilli, poi, ha fatto il resto. La fase difensiva sarà la chiave tattica della partita: al Parma, senza centravanti, non va dato campo per ripartire.

Osservato speciale

Erick Pulgar, protagonista di un inizio scoppiettante, è a secco di bonus da un paio di giornate. I suoi piazzati, precisi e delicati, potrebbero rivelarsi un’arma in grado di cambiare le sorti della partita. Da tenere d’occhio anche Boateng, voglioso di mettere in difficoltà Montella e riprendersi il centro dell’attacco.

MILAN-LAZIO

cosa ci riserva riserva di lusso

Umore

Un accenno di sorriso sulle labbra dei tanti tifosi rossoneri si inizia a intravedere. L’ennesimo inizio in controtendenza con la storia del club ha portato all’esonero di Giampaolo e all’arrivo di Pioli: una vittoria, un pareggio e una sconfitta pesante sin qui. Ora, con l’altra romana, si cerca di dare un senso alla stagione. Un’opzione che non contempli i tre punti è fuori discussione.

Istruzioni per l’uso

Pioli sta sperimentando e ruotando giocatori per trovare la formazione più adatta alle sue idee di gioco. Suso, in panchina per i primi cinquanta minuti, l’ha sbloccata con una perla su punizione. Manca, però, fluidità nella manovra: la partita con la Spal non deve essere un punto da cui ripartire, ma una lezione su cosa migliorare. La Lazio vola sulle ali dell’entusiasmo e arriva a San Siro con i pronostici a favore. Immobile è inarrestabile, Inzaghi deve ritrovare Savic per pensare in grande…

Osservato speciale

Suso ha capito che non è intoccabile: o gioca da fenomeno (secondo le sue possibilità) o sta fuori. E quale occasione migliore di un big match per dare un segnale ai detrattori e al mister?

SPAL-SAMPDORIA

Umore

Siamo sicuri che sia la stessa Samp vista nelle passate stagioni? Quagliarella è scomparso, la squadra fatica tanto e la difesa è un colabrodo. Le partenze di Praet e Andersen sembrano pesare più di quanto si pensasse, Murillo non l’azzecca una. La situazione è già compromessa: l’ultimo posto in classifica fa tremare le gambe. E Ranieri, mr. Premier League, non è riuscito a invertire la rotta.

Istruzioni per l’uso

Gli attributi oltre i tatticismi, i polmoni oltre l’estro. Il match del Mazza significa troppo: vincere, per entrambe, vuol dire rifiatare e avvicinarsi a quei 40 punti lontanissimi. La Spal riconfermerà la formazione capace di frenare (ma non fermare) il Milan e cadere solo dinanzi a una magia da piazzato di Suso. Lavori in corso per i blucerchiati, 4-3-1-2 più che un’idea. A Quaglia serve una spalla e un fantasista pronto a servirlo.

Osservato speciale

Sfida tra bomber intenti a ritrovare la miglior forma: Petagna e Quagliarella sono le armi dei loro club. Continuare a sparare a salve sta complicando la situazione psicologica e di classifica. Aria di cambiamento?

Shop riserva di lusso

Autore

Classe ’95, laureato in scienze della comunicazione, un passato tra basket e calcetto. Scarsi risultati nel primo, un campionato vinto nel secondo. Dalla Tribuna, ma con tanta passione. È passato “dietro la scrivania” un paio d’anni fa in cerca di risultati migliori.

Lascia un commento

Top