Prevedere il futuro è difficile, prevenirlo ancor di più. Al massimo, si può provare ad analizzarlo. Archiviata la settimana di Coppa Italia, ci concentriamo sulla 15° giornata di campionato. Che cosa ci riserva la Serie A in questo week-end di doppia fatica?

DOVE E QUANDO VEDERLE

Ven 20.45 INTER-ROMA (SKY)
Sab 15.00 ATALANTA-H. VERONA (SKY)
Sab 18.00 UDINESE-NAPOLI (SKY)
Sab 20.45 LAZIO-JUVENTUS (DAZN)
Dom 12.30 LECCE-GENOA (DAZN)
Dom 15.00 SPAL-BRESCIA (DAZN)
Dom 15.00 SASSUOLO-CAGLIARI (SKY)
Dom 15.00 TORINO-FIORENTINA (SKY)
Dom 18.00 SAMPDORIA-PARMA (SKY)
Dom 20.45 BOLOGNA-MILAN (SKY)

VAI DIRETTAMENTE A
👇

INTER-ROMA
ATALANTA-H. VERONA
UDINESE-NAPOLI
LAZIO-JUVENTUS
LECCE-GENOA
SPAL-BRESCIA
SASSUOLO-CAGLIARI
TORINO-FIORENTINA
SAMPDORIA-PARMA
BOLOGNA-MILAN

 

INTER-ROMA

Umore

Inter-Roma sulle ali dell’entusiasmo: per gioco, risultati e umore alto. Attenzione, perché a cadere nel vuoto come Icaro è un attimo…

Istruzioni per l’uso

Attacchi carichi, difese solide e centrocampo di qualità in entrambe le squadre. Sembra il gioco della bilancia: da che parte penderà?

Osservato speciale

Fari puntati su Lautaro Martinez, in goal da 2 gare di fila (e nell’ultima una doppietta). Continuerà il suo periodo d’oro?

ATALANTA-H. VERONA

Umore

I 3 gol sono stati un fattore chiave per bergamaschi e veronesi nell’ultimo weekend di campionato: da una parte hanno rappresentato il massimo livello di goduria per la vittoria nel derby contro il Brescia, dall’altra una battuta d’arresto comprensibile contro un avversario decisamente più forte. Arriverà un’altra goleada al Gewiss Stadium?

Istruzioni per l’uso

Per Gasperini risulta impossibile non confermare uno dei Pasalic migliori di tutta la sua avventura in nerazzurro; Freuler, però, questa volta scenderà in campo, complice l’infortunio di De Roon. Juric, invece, potrebbe cambiare le carte in tavola: Di Carmine e Zaccagni non hanno brillato contro la Roma, spazio a Salcedo?

Osservato speciale

Da quando il coetaneo e connazionale con il 91 è fuori per infortunio, Muriel ha reso ad alti e bassi: prima 5 gol tra Lazio ed Udinese, poi un’astinenza durata fino a Brescia, dov’è parso parecchio nervoso al momento della sostituzione. Luis, serve il miglior alter ego di Zapata, per non far rimpiangere Duvan.

UDINESE-NAPOLI

Umore

Com’era? Delusione 1, delusione 2? Parodie politiche a parte, ad Udine e a Napoli c’è ben poco su cui scherzare: entrambe vedono in bianconero, non solo per il colore della maglia dei friulani. La sensazione è che una delle due possa sprofondare ancora più giù.

Istruzioni per l’uso

Napoli in ritiro per schiarirsi le idee, ma i pensieri di Ancelotti sono ancora offuscati da un’insolita nebbia campana: continuità a Llorente o spazio al dinamismo di Insigne e Lozano? Per i padroni di casa, invece, pochi dubbi e molte certezze: tra queste anche la conferma del nostro osservato speciale…

Osservato speciale

La squadra di Gotti raschia i bassifondi della classifica, ma contro questo Napoli può succedere di tutto. Una cosa, però, è certa: per abbattere i partenopei servono estro e fantasia, proprio ciò che manca all’Udinese in questo momento… De Paul, ci stai ascoltando?

LAZIO-JUVENTUS

Umore

La Lazio delle ultime sei vittorie su 6 gare di campionato contro la Juventus frenata nella sfida casalinga con il Sassuolo. Umori agli antipodi all’Olimpico.

Istruzioni per l’uso

Frenare la squadra di Inzaghi è davvero difficile, almeno tanto quanto farle gol. Ci riuscirà la vecchia signora?

Osservato speciale

Non serve puntare i fari su Immobile, perché intanto lui le luci della ribalta se le va a prendere lo stesso: 19 goal in 17 partite stagionali, oltre a 5 assist. Numeri da capo-Ciro.

LECCE-GENOA

Umore

È la partita degli strani umori. “Triste, solitario y final” direbbe Osvaldo Soriano. Triste come l’umore del Genoa (sconfitto dal Torino), solitario come il periodo del Lecce (vincente sul campo della Fiorentina e poi sconfitto dalla Spal in Coppa Italia) y final, come quello che verrà scritto al Via del Mare.

Istruzioni per l’uso

Le difese traballano, gli attacchi non convincono. I salentini, però, in casa non perdono da fine settembre (0-1 con la Roma). Dopo il Torino, altro avversario tosto per il Genoa.

Osservato speciale

Fari puntati su Goran Pandev, il calciatore con più esperienza del Genoa. Se non ci prova lui a risollevare i rossoblù…

SPAL-BRESCIA

Umore

Cellino ha fatto subito marcia indietro: la mossa Grosso si è rivelata la più sbagliata possibile. Torna Corini, l’uomo dietro la promozione in A e lo stesso che ha capito pregi e difetti della rosa. Il 4-3-1-2, la filosofia impartita e i meccanismi sono tutti riconducibili alle sue idee e alle sue intuizioni. Insomma, queste tre partite erano perse in partenza.

Istruzioni per l’uso

Le rondinelle sono pronte a tornare alle origini, a giocare a calcio e a ritrovare solidità. La Spal deve scuotersi e dare continuità all’ampio successo ottenuto con il Lecce. E guai a sottovalutare la prestazione di San Siro: concentrati, sempre in partita e a un passo da un pareggio d’oro. Le sorti della partita passeranno dalla qualità negli ultimi metri e chissà che Semplici non riproponga Valoti seconda punta.

Osservato speciale

Andrea Petagna, per forza di cose, è l’uomo su cui puntare: la salvezza passa dai suoi gol e dalle sue prestazioni contro le dirette concorrenti. Il bivio per la consacrazione è sulla sua strada. Vincere e convincere o tornare all’etichetta di punta dai pochi gol.

SASSUOLO-CAGLIARI

Umore

Domenica alle 15, al Mapei Stadium, si gioca sulle ali dell’entusiasmo: De Zerbi e i suoi combattono i pregiudizi e con diverse seconde leve bloccano la cavalcata bianconera, mentre il Cagliari si conferma pazzo ed imprevedibile. Preparate i popcorn, amici di Reggio Emilia.

Istruzioni per l’uso

Cerri ha permesso al Cagliari di guadagnare altri tre punti vitali per la corsa all’Europa, ma il titolare rimane Simeone: spazio al Cholito e allo scatenato Joao Pedro davanti. De Zerbi risponde con le stesse armi: Boga e Đuričić assistono il nostro osservato speciale, al momento cannoniere dei neroverdi assieme al degente Berardi.

Osservato speciale

Dopo 5 partite di astinenza, Ciccio Caputo ha capito come ingranare in neroverde: 4 gol ed un assist nelle ultime tre, due delle quali contro la terza e la (al momento della gara) prima forza del campionato. Attento Cagliari: ormai sei una grande, il tipo di squadra che piace colpire al bomber barese.

TORINO-FIORENTINA

Umore

Un punto a dividerle e poco altro: le ambizioni sono state rimodellate in tre mesi. La batosta Europea (per il Toro) e la mancanza di chiarezza sul progetto Viola, hanno confuso più che illuso. La domanda, allora, sorge spontanea: per cosa combattere? Un posto a metà classifica?

Istruzioni per l’uso

Mazzarri ancora senza punta e Montella con l’attacco che ha fatto sognare in estate (Vlahovic e Sottil). Difesa a 3 per entrambi, un disperato bisogno di trovare la via del gol e la speranza di invertire il processo di involuzione dei singoli. A Torino servirà più cuore che teoria. In palio un panettone e una seconda chance.

Osservato speciale

Simone Verdi sta entrando nelle logiche Mazzarriane, mettendo a referto l’assist fondamentale per la vittoria di Marassi. Con l’attacco sulle sue spalle e i riflettori puntati, le probabilità di rivedere un Bologna bis aumentano drasticamente.

SAMPDORIA-PARMA

Umore

L’azione chiave è “risollevarsi“. Sarà difficile per il Parma dopo la sconfitta casalinga contro il Milan? Chiedetelo alla Sampdoria, rimontata da 3-1 a 4 a 3 contro il Cagliari.

Istruzioni per l’uso

Difficile trovare la chiave giusta per sbloccare il match in un mazzo così ingombrante di opportunità. E tutto ciò non per la bravura dei due attacchi, ma per i troppi errori difensivi.

Osservato speciale

A Cagliari si è sbloccato con due gol (e un assist), ma davanti ai propri tifosi continua a faticare (solo un gol, alla 2° giornata contro il Sassuolo, e su rigore). Occhi puntati, dunque, sul capitano blucerchiato Fabio Quagliarella.

BOLOGNA-MILAN

Umore

Il Milan soffre, ma centra l’obiettivo 3 punti. In un match complicato, maschio, teso è solo la giocata del solito Hernandez a regalare qualche giorno di serenità a Pioli e company. Bologna, però, da non sottovalutare, dopo aver preso lo scalpo di un Napoli sempre più in crisi.

Istruzioni per l’uso

Se una squadra punta ad alzare i ritmi e attaccare lo spazio, l’identità dell’altra va ancora definita. Pioli sta cercando di sistemare la squadra partendo dalla fase difensiva e dando spazio all’estro e la genialità di Suso. Con Piatek e il centrocampo in queste condizioni, però, diventa dura per chiunque.

Osservato speciale

Parli di Piatek e spunta…Leao. Sembra che il portoghese, attualmente, sia in pole per vincere una pesantissima maglia da titolare: le giocate le ha, fisico e grinta anche. Manca un po’ di feeling con la porta, chissà che la magia del natale non faccia qualche regalo.

Autore

Classe 2000. Capisce da piccolo di aver più cuore che tecnica: smette con il calcio giocato e passa a teorizzarlo. Oltre a pensare di riempire la pancia, cerca di colmare l’anima vivendo di sport e valori morali, che non gli danno da mangiare ma lo fanno arrivare a posto con sé stesso ai pasti

Lascia un commento

Top